La mia penna (Perseidi 7)

Corre la penna nella neve della carta
Mezzo divino per creare mondi
Anche la tela è bianca per il colore
Il bianco è l’attesa il momento prima
Del riversarsi in ogni dimensione possibile.
Corri, penna, corri, non ti fermare
Tu, garante dell’assoluto.

La penna è un’amica fedele
Riesce a baciare con passione
Corre come un ghepardo e vola come un uccello.
La mia mano che la muove
La vede fissare sulla carta
Tutti i mondi possibili,
e nel fare questo, mi culla.

copertinaAltri versi da Le scintille delle Perseidi, uno dei miei primi componimenti (2009), il cui libro è andato ormai esaurito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *